Nulla osta matrimonio in Ucraina

| More

Per poter contrarre matrimonio in un paese straniero, nel nostro caso in Ucraina, è necessario munirsi di un documento chiamato Nulla Osta.

Il Nulla osta non è altro che un foglio di carta, redatto dall’Ambasciata, sul quale vengono scirtte, in lingua ucraina, alcune informazioni relative alla persona che lo richiede. In sostanza si stabilisce che la persona può contrarre matrimonio (dal latino “Nihil obstat”, nulla si oppone).

Esso deve essere richiesto all’Ambasciata Ucraina a Kiev, che provvede al rilascio dello stesso in breve tempo (di solito in giornata).

Cosa serve per avere il Nulla osta

Ultimo Aggiornamento 02/04/2012

I due futuri sposi, devono recarsi in Ambasciata a Kiev muniti di passaporti in corso di validità.
Sul posto, si deve compilare un’autocertificazione in base agli art. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445.

Rispetto al passato non si devono più produrre tutta quella enormità di documenti, che gravava specie sul cittadino ucraino. Adesso bastano solo i passaporti e tutto il resto si autocertifica in Ambasciata.

Prezzo: Se non è cambiato, dovrebbe costare sui 40 hryvnia.

Modulo Autocertificazione: Scaricabile dal sito dell’Ambasciata Italiana a Kiev (sezione Modululistica): Clicca qui per scaricarlo

Note
Facciamo del nostro meglio per dare informazioni corrette e aggiornate.
Comunque per informazioni sempre aggiornate vi consigliamo di contattare l’Ambasciata Italiana a Kiev.

Documenti non più richiesti

Li lascio pubblicati, così da apprezzare meglio la nuova procedura 😀

——–Questa parte non serve più———

Per la parte italiana le cose sono piuttosto semplici:

1 Certificato cumulativo o contesteuale (residenza + stato libero + cittadinanza) rilasciato dal Comune di Residenza o, per chi risiede all’estero, dal Comune Italiano di iscrizione A.I.R.E.

2 Copia integrale dell’atto di nascita o estratto per riassunto dell’atto di nascita rilasciato dal Comune di nascita o, per chi nato all’estero, dal Comune italiano dove è stato trascritto.

Senza bisogno di andare in prefettura in quanto non è richiesto alcun apostille.

La parte ucrainadeve solo comunicare i suoi dati e lasciare una copia del passaporto.

I documenti necessari sono:
1 Certificto di nascita
2 Dichiarazione notarile comprovante lo stato libero
3 Residenza

1 Certificato di nascita

Non vanno bene i documenti rilasciata dall’allora Unione Sovietica. Il certificato deve essere in Ucraino e rilasciato dallo ZAGS di competenza (quello del luogo in cui si è nati).

Una volta ottenuto il certificato bisogna portarlo al RAGS della vostra città (in Donetsk: Lagutenko, 12 tel. +380623357622) dove vi apporrano un ulteriore timbro.

2 Dichiarazione notarile comprovante lo stato libero

Bisogna recarsi muniti di passaporto e di codice d’identificazione da un notaio (pubblico o privato) per produrre tale documentazione.

3 Residenza

Si devono eseguire le seguenti procedure:

3.1 Recarsi presso lo Zhek, ЖЭКper ritirare un certificato relativo a tutte le persone ufficialmente registrate presso la vostra residenza.

3.2 Andare quindi all’Adresno-spravochnoie biuro umbv Ukrainy, АДРЕСНО-СПРАВОЧНОЕ БЮРО УМВД УКРАИНЫ della vostra città (in Donetsk: ul. Generala Antonova, 1. tel. +380623384124) per ricevere un documento che certifica che il richiedente è davvero registrato presso la propria residenza.

Portare con se il passaporto e una copia dello stesso da lasciare all’ufficio.

3.3 Con il passaporto e con i 2 documenti ottenuti ai punti 3.1 e 3.2, recarsi all’OVIR, ОВИР della propria città (Donetsk: ul. Khodokovskogo, 10) scrivere una petizione per ricevere un documento chiamato “Dovidka pro rehystratsiiu z mistsia prozhyvannia, Довідка про регистрацію з місця проживання”.

Una volta ottenuta tutta questa documentazione la cosa più semplice e portare il tutto ad un agenzia specializzata per la traduzione e legalizzazione mediante apostille.

Tempo d’attesa: 2-3 settimane

————————

Riepilogo procedure matrimonio

1 Per visionare l’informativa rilasciata dall’Ambasciata Italiana a Kiev:

http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-in-ucraina

2 Per sapere cosa fare una volta ottenuto il nulla osta:

http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-dopo-nulla-osta

3 Per sapere quali documenti portare allo ZAGS:

http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-zags

4 Per visionare il modulo di registrazione del matrimonio dello ZAGS

(tradotto in italiano):

http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-formulario-zags

5 Il giorno delle nozze:

http://www.ukrlandia.com.ua/giorno-delle-nozze

6 Legalizzazione e traduzione del certificato di matrimonio

http://www.ukrlandia.com.ua/legalizzazione-certificato-matrimonio

Tag: , , ,

33 Commenti a “Nulla osta matrimonio in Ucraina”

  1. Marcello ha detto:

    Ciao! innanzitutto grazie per l’utilissimo blog!!
    Io sono a Zaporozhye, in attesa di sposarmi con cittadina ukraina ovviamente… Come ho letto sul blog, e confermato dall’ambasciata italiana a Kiev, il nulla osta deve essere legalizzato. Ma lo zags della nostra zona ci ha detto che loro non sanno niente di legalizzazione… magari non gli serve neanche. ma e’ possibile? mi salverebbe da un viaggio in piu’… Zaporozhye e’
    motlo lontano da Kiev…

    • Greenissimo ha detto:

      Non ci sorprende piu’ di tanto.
      Quando e’ stato il nostro turno di fare i documenti, abbiamo ricevuto risposte diverse a seconda della persona a cui ci siamo rivolti. ZAGS diversi chiedono cose diverse 😀

      Se non e’ cambiato nulla negli ultimi mesi, il nulla osta deve essere legalizzato come descritto sul blog. Se non lo avete ancora ritirato, potete fare tutta la pratica in 1 giorno (ritiro nulla osta e legalizzazione). Se siete gia’ a Zaphorizia con il nulla osta, potete chiedere a qualche agenzia se puo’ farlo per voi.

      Consiglio, fate anche il passaggio relativo alla traduzione del passaporto.

      Per avere maggiori informazioni, potete anche chiedere ad un’altro ZAGS della vostra citta’.

      Se avete novita’ fateci sapere, grazie!

  2. Marcello ha detto:

    Ho seguito i vostri consigli e la vostra guida e sono ora sposato. La legalizzazione serviva, e per sicurezza ho tradotto anche il passaporto.
    E ora… tra poco andremo a Kiev per registrare il matrimonio all’ambasciata e chiedere il visto. A tal proposito… quanto ci avete messo voi per ottenere il visto? Basta compilare la richiesta di ricong. fam. + richiesta di visto e fornire il certificato di matrimonio tradotto e apostillato giusto?

  3. Greenissimo ha detto:

    Prima di tutto Congratulazioni per il matrimonio:)

    Noi ci abbiamo impiegato circa 4 giorni. Di Martedi’ siamo arrivati a Kiev e al Venerdi’ abbiamo ricevuto il visto. (“famigliare al seguito” rientro in Italia assieme con lo stesso volo)

    Durante questi 4 giorni abbiamo fatto la legalizzazione del certificato di matrimonio, la traduzione e quindi in ambasciata la trascrizione e la richiesta del visto. Il passaporto ci e’ stato riconsegnato con il visto 3 giorni dopo la richiesta.

    Circa la modulistica, se non e’ cambiato nulla occorrono: Passaporti, copia biglietti aerei (per famigliare al seguito, se viaggiate assieme) e certificato di matrimonio (dopo che avete fatto la trascrizioni vi viene data una copia per l’ufficio visti). Sul posto dovete compilare la richiesta del visto e del ricongiungimento.

    Fateci sapere come e’ andata.
    Ancora auguri!

    P.s.
    Prima di andare a Kiev abbiamo portato il certificato di matrimonio al RAGS della nostra citta’ dove vi hanno apposto un timbro.

    Non dimenticatevi di farvi dare una copia extra del certificato di matrimonio dall’ambasciata per poterlo usare in Italia per la richiesta del documento di soggiorno. (prima che il certificato di matrimonio sia disponibile in comune passano diverse settimane, quindi e’ meglio farsi dare una copia dall’ambasciata)

  4. Lucy ha detto:

    Ciao a tutti avrei una domanda da fare. Un mio amico si è sposato con una ragazza ucraina. Lui è inglese. Le cose non sono andate bene e lui da tre anni circa cerca di ottenere il divorzio ma lei essendosi sposati in ucraina e essendo anche un avvocato del posto ha nascosto le carte e non gli concede il divorzio. Lui ha messo un avvocato di mezzo, ma visto che lui non ha nessun documento che attesti che si siano sposati (ma solo un timbro sul passoporto) il suo avvocato inglese dice che non c’è modo per ottenerlo visto che lo zags per fornire un certificato che attesti che siano sposati deve avere le firme di entrambi e la richiesta di entrambi. e questo lei non lo farà mai. Questa cosa è allucinante. Sapete cosa lui può fare per ottenere un qualcosa che attesti che sono stati sposati?
    E’ una storia terribile. Grazie per l’aiuto.

    • Greenissimo ha detto:

      Non saprei cosa risponderle.
      Comunque se ha trascritto il matrimonio in UK, credo che una copia del certificato di matrimonio l’abbia data all’ambasciata UK a Kiev.
      Inoltre se il matrimonio e’ stato trascritto, credo come in Italia possa richiedere una copia del certificato di matrimonio al suo comune di residenza in UK (dove ha trascritto il matrimonio).

  5. angel73 ha detto:

    ciao. desidero sapere da qualcuno di voi, cosa devo fare prima di tutto se desidero sposarmi in ucraina. devo presentare i miei documenti e i documenti della mia fidanzata in ambasciata prima del matrimonio o esiste una soluzione alternativa?

    • Greenissimo ha detto:

      Per sposarsi in Ucraina legga la nostra guida (i nostri posts) c’e’ praticamente scritto tutto quello che si deve sapere.

      Per celebrare il matrimonio e’ necessario il nulla osta che deve ottenere all’ambasciata Italiana a Kiev.

  6. angel73 ha detto:

    grazie dell’informazione.

  7. luigi ursi ha detto:

    ciao a tutti.
    volevo un informazione sui tempi una volta fatti i documenti per prenotare la data del matrimonio a kiev,io arrivo il 29-1 e vorrei sposarmi intornoal 11 o 12 febbraio

    • Greenissimo ha detto:

      La data dipende dalla disponibilita’ dello ZAGS. Se vi fossero problemi puo’ provare:
      1 Fare presente il fatto che ha gia’ i biglietti aerei prenotati (e quindi non puo’ aspettare oltre).
      2 Sposarsi senza cerimonia, semplicemente firmando i documenti e basta. (La cerimonia, le foto etc… le potete poi fare in seguito, ovviamente non allo ZAGS ma in un luogo privato es. nel ristorante dove fate il pranzo).

  8. Marco ha detto:

    Devo sposarmi con una ragazza ucraina di Zaporozhye, ho preparato tutti i documenti prima di partire ma lei mi ha contattato dicendomi che allo zags le hanno detto che io ho bisogno anche della pubblicazione del matrimonio come certificato da allegare a tutto il resto. Mi fate luce su questo argomento visto che nelle richieste di documenti non viene quasi mai citato? Grazie

    • Greenissimo ha detto:

      Noi ci siamo sposati a Donetsk e lo ZAGS ci ha chiesto solo il Nulla Osta (rilasciato dall’ambasciata Italiana), copia tradotta e firmata dal Notaio delle prime 2 pagine del passaporto italiano e i passaporti in orginale sia italiano che ucraino (nazionale).

      Le publicazioni del matrimonio non sono richieste… e se lo fossero, allora le vorrebbe l’ambasciata italiana e non lo ZAGS… esiste la possibilita’ che sia cambiata qualche legge… ma credo che piu’ semplicemente la persona con cui ha parlato la tua ragazza abbia letto un vecchio regolamento (dal 2008 le pubblicazioni non sono piu’ richieste per matrimonio all’estero)…

      Allo stesso tempo spesso succede che in Ucraina un ufficio abbia “delle sue leggi” (che esistono solo li)… non e’ sempre facile fare capire al funzionario di turno che dice delle bischerate… a volte ammettono l’errore altre volte si impuntano…

      Cosa fare? In questa situazione ti consiglio di contattare un’altro ZAGS (in citta’ ce ne sono diversi) e chiedere nuovamente cosa occorre…

      Facci sapere cosa ti hanno detto… e sempre utile avere nuove informazioni da condividere

      P.s.
      leggi:
      http://www.esteri.it/MAE/IT/Italiani_nel_Mondo/ServiziConsolari/StatoCivile/Matrimonio.htm
      (Matrimonio da celebrare davanti all’Autorità locale straniera)

  9. Marco ha detto:

    Grazie mille della risposta ma a questo punto mi convinco che ho bisogno della pubblicazione (seguendo il link). “Se uno dei nubendi (italiano o straniero) ha la residenza in Italia mentre l’altro (cittadino straniero) ha la residenza all’estero, le pubblicazioni di matrimonio vanno richieste solamente al Comune italiano di residenza del nubendo ed ivi effettuate” questo è quello che mi riguarda. In qualunque modo devo sottolineare che questa è una nota assolutamente da evidenziare ed introdurre nell’elenco dei documenti da preparare prima di partire se non ci si vuol trovare nel caso di un ritorno in Italia ed un eventuale ripartenza per l’Ucraina.

    • Greenissimo ha detto:

      No, fai confusione,….
      quello di cui scrivi e’ il caso “Matrimonio da celebrare davanti all’Autorità consolare italiana” Ovvero in ambasciata o consolato. Tu ti sposi davanti ad autorita’ Ucraina (lo ZAGS) e non davanti ad un autorita’ Italiana.

      Il tuo caso, come il nostro e quello di quasi tutti quelli che si sposano in Ucraina e’ il seguente:
      “Matrimonio da celebrare davanti all’Autorità locale straniera” ovvero lo ZAGS

      Il cittadino italiano che contrae matrimonio presso uno Stato estero non è soggetto alle pubblicazioni di matrimonio (parere del Consiglio di Stato n. 621 del 1 febbraio 2008)

      Spero di essere stato chiaro:)

      Riporto quanto scritto sul sito della Farnesina:

      Cosa deve fare un cittadino italiano sia residente in Italia che residente all’estero che intenda contrarre matrimonio presso le Autorità di un Paese straniero?

      Nel caso si intenda celebrare il matrimonio dinanzi all’Autorità straniera, secondo le leggi del luogo:
      In questo caso non e’ più prevista la formalità preliminare delle pubblicazioni (Consiglio di Stato – parere n. 3105/07).
      Solo in alcuni casi l’Autorità estera richiede una certificazione attestante la capacità matrimoniale del connazionale oppure un nulla osta.
      Gli Stati che hanno aderito alla Convenzione di Monaco del 05.09.1980 che richiedono il “certificato di capacità matrimoniale” sono i seguenti: Austria, Belgio, Germania, Grecia, Lussemburgo, Olanda, Portogallo, Spagna, Svizzera, Turchia. Esso viene rilasciato dall’Ufficio di Stato civile del proprio Comune di residenza ed e’ esente da legalizzazione.
      Per gli altri Stati si parla di nulla-osta.

  10. Marco ha detto:

    Il Problema è che se ci si sposa dinanzi all’Autorità consolare italiana c’è bisogno della pubblucazione del matrimonio, se ci si sposa dinanzi all’Autorità locale allora vale la legge del 2008 dove viene citato che non c’è alcun bisogno di presentare il documento. Ora bisogna capire se l’ambasciata ci rilascia solo il nulla osta ed il resto lo si fa alla Zags. Oppure l’ambasciata oltre al nulla osta esegue anche il matrimonio. ???

    • Greenissimo ha detto:

      Il tuo caso (come il nostro e quello di quasi tutti quelli che si sposano in Ucraina e’ il seguente:

      – Ambasciata da il Nulla Osta (portando i documenti richiesti)
      – Il matrimonio avviene d’innanzi alle autorita’ Ucraine ovvero lo ZAGS (nel tuo caso a Zaporizzia)
      – Sposati, si portano i documenti a tradurre e legalizzare e quindi si fa la trascrizioni del matrimonio in Ambasciata.

      Spero di avere rimosso i tuoi dubbi. E tanto piu’ semplice a farlo che a dirlo.

      Ora fai chiamare un’altro ZAGS dalla tua ragazza e chiedi che documenti vogliono… se ti dicono che e’ cambiata qualche legge
      fatti dire quale… (ma come gia’ detto prima penso sia solo un errore del funzionario… in alcuni posti non vogliono nemmeno la copia del passaporto).

  11. Marco ha detto:

    Sei stato pienamente soddisfacente e chiarissimo. Grazie ho realizzato bene come funziona il tutto. Ti faro sapere al mio ritorno. Parto venerdi 14 ottobre e torno il 31. Credo di farcela e lo spero.

    • Greenissimo ha detto:

      Auguroni! Vedrai che tutto andra’ bene!
      Comunque prima di partire fatti dire dalla tua ragazza cosa chiedono gli altri ZAGS.

  12. raffaele ha detto:

    Salvea tutti io mi voglio sposare qui in italia he devo fare e poi il matrimonio e valido anche i ucraina o bisogna fare qualcosa anche li grzie il vostro sito e meravigliosoooooo

  13. biagio ha detto:

    il mio problema è il seguente: ho sposato il 28 /05/2013 a ZHYTOMYR (Ucraina) una cittadina ucraina residente a Zhytomyr dopo aver eseguito tutto l’iter burocratico per il rientro in ITALIA ,a mia moglie gli è stato negato il visto in quanto risulta iscritta nei sistemi informativi Schengen.
    Essendo trascorsi già sei mesi cosa posso fare e a chi posso rivolgermi per risolvere la situazione. Premetto che io sono già rientrato in Italia da solo nel mese di Giugno allo scadere del permesso di soggiorno dei tre mesi.

    • Ukrlandia Team ha detto:

      Credo debba richiedere la cancellazione di sua moglie dal sistema informativo… la cosa migliore in questi casi e’ quella di rivolgersi alle istituzioni competenti per sapere come meglio procedere. Puo’ provare ad interpellare l’URP (ufficio relazione con il pubblico) del ministero degli affari esteri (di solito rispondono), la propria questura o direttamente l’ambasciata.

      Auguri!

  14. Olga ha detto:

    Buonasera, avrei bisogno di chiedere… Sono cittadina ucraina ma non ho alcuna residenza in ucraina in quanto tutta la mia famiglia abita qui con me in italia .. a breve mi devo sposare qui in italia..ho letto che per ottenere il nulla osta mi serve la certificazione da parte di ufficio ( JEK) per la residenza ..che io non ho.. come dovrei comportarmi qundo mi presento al consolato ucraino a milano per richiesta del nulla osta?
    grazie mille in anticipo
    Olga

  15. Claudio ha detto:

    Buonasera. La mia domanda potrà apparire banale ma, onestamente, cercando in tutto il web ho trovato solo confusione e notizie contrastanti; vorrei sposare in Italia la mia fidanzata ucraina. Lei vive dalle parti di Donetsk, è divorziata ed ha una bambina di 12 anni; ha i documenti che certificano la cancellazione del padre come potestà. Domanda: se lei viene in Italia ad agosto per le vacanze, come fa ormai da 3 anni, è possibile sposarsi in Italia in quel periodo e poi restare quì con me, oppure è costretta a fare rientro in Ucraina e fare altri documenti? Quali documenti lei deve portare con se per sposarsi in Italia? E quali documenti devo fare io? Sono divorziato da circa 10 anni. Saluti, grazie e complimenti per il supporto che date a tutti. Claudio

  16. Claudio ha detto:

    Buonasera. In caso di matrimonio con una donna ucraina, successivamente il figlio di 19 anni può raggiungere la madre in Italia? ci vogliono permessi speciali?

    • Ukrlandia Team ha detto:

      Si, dopo il matrimonio, potete richiedere il visto come parente di cittadino italiano tramite lettera d’invito che deve fare lei (cittadino italiano) e allegare documenti comprovanti la parentela: es. Certficiato di matrimonio e certificato di nascita del figlio… Abbiamo fatto richiesta di visto per mia suocera è la procedura è stata semplicissima, nessuna richiesta di fidejussione o altri documenti.
      Per informazioni dettagliate sui documenti da produrre, consiglio di richiedere assistenza al centro visti ufficiale. Con noi sono stati competenti e gentilissimi. Abbiamo ottenuto un visto pluriennale multi-ingresso.
      Se poi il ragazzo vuole rimanere a vivere in Italia, deve ovviamente fare richiesta di permesso di soggiorno.

  17. luciano ha detto:

    Gentilissimi,
    avrei bisogno di una informazione di tipo legale.
    Se l’ex marito non versa nulla alla sua ex moglie e tanto meno per la bambina
    la moglie può richiedere la perdita della potestà del padre e in questo caso la bambina può seguire la madre in Italia??????
    Vi ringrazio
    Luciano

  18. Claudio ha detto:

    Salve, conviene sposarsi prima in Ucraina? se mi sposo prima in Ucraina devo dichiarare qui di fare la separazione dei beni? la mia futura moglie può incominciare a richiedere i documenti per me a Kiev?

    • Ukrlandia Team ha detto:

      Se la sua futura moglie è attualemente residente in Ucraina, probabilmente le conviene sposarsi li (meno documenti e lungaggini). Quindi deve trascrivere il matrimonio all’ambasciata in modo che esso abbia pieno valore legale in Italia.
      Credo sia richiesta la sua presenza per ottenere il nulla osta. La separazione dei beni la deve richiedere in ambasciata e sono necessari due testimoni italiani.
      Riporto il testo sul sito dell’ambasciata italiana:
      “Gli sposi, alla consegna dell’atto di matrimonio, hanno facolta’ di scegliere un regime patrimoniale diverso da quello legale, in particolare, di optare per il regime della separazione dei beni. Tale atto viene predisposto in Cancelleria, in presenza di entrambi gli sposi e di due testimonii taliani. Esso viene trasmesso al Comune insieme all’atto di matrimonio per le relative annotazioni marginali.
      La scelta del regime patrimoniale puo’ essere effettuata in Italia anche successivamente alla trascrizione. “

  19. Thomas ha detto:

    Ciao e grazie per gli esaustivi e utilissimi contributi che condividete!
    Ho 1 delucidazione da chiedervi. Per il rilascio del nulla osta per contrarre matrimonio del cittadino italiano da parte dell’ambasciata italiana a Kiev, vanno presentati i passaporti di entrambi i nubendi (quello italiano ed il passaporto interno per il nubendo ucraino OK), ma è obbligatoria la presenza anche del nubendo ucraino, oppure può andare l’italiano da solo, portando con sè il passaporto della futura moglie? Grazie!

  20. francesco di virgilio ha detto:

    buongiorno dovrei sposare una ragazza in ukraina sono appena divorziato ,mi basta l atto di divorzio apostillato oppure anche la registrazione in comune sull atto di matrimonio ?grazie francesco