Matrimonio in Ucraina: Il giorno delle nozze!

| More

Dopo che avete pagato e confermato la data delle nozze, allo ZAGS vi verrà data la lista delle cose da portare il giorno delle nozze.

Come da tradizione il testimone dello sposo è l’incaricato di portare simbolicamente il tutto allo ZAGS prima della cerimonia. L’unica cosa che spetta allo sposo sono gli anelli.

Elenco delle cose che il testimone deve portare

Documenti degli sposi
Passaporto locale della sposa.
Passaporto del cittadino Italiano con immigration card.

Una bottiglia di Champagne e due bicchieri
Brinderete alla fine della cerimonia.

Rushnik
Una tovaglietta tradizionale Ucraina, su cui gli sposi devono stare nel momento dello scambio degli anelli.

Una rosa fresca o un cuscinetto per gli anelli
Gli anelli veranno posati su di una rosa o su un cuscinetto prima dello scambio.

Durante la cerimonia

L’unica cosa che vi verrà richiesto di dire è: DA o TAK, ovvero il fatidico SI!
Quindi anche se non capite una parola di Russo o di Ucraino non avrete comunque problemi.
(A Donetsk le cerimonie vengono celebrate in Russo, nella parte Occidentale del paese in Ucraino)

Alla fine della cerimonia, dovrete apporre ciascuno 4 firme su due documenti e a questo punto sarete legalmente sposati.

Che cosa otterete dallo ZAGS

Alla conclusione di tutto avrete:

Il certificato di matrimonio
Che dovrete poi legalizzare e tradurre per la trascrizione in Italia e per poter avere il visto.

I Passaporti
In Ucraina è regola apporre sul passaporto locale un timbro con il nome del coniuge. Tale regola non fa eccezioni anche se siete stranieri. L’addetto dello ZAGS, apporrà un timbro anche sul passaporto Italiano nella sezione dedicata ai visti. (potete scegliere la pagina)

Alla fine è come se avrete un visto per stare con vostra moglie:P

Questo per adesso è tutto, godetevi il bellissimo matrimonio in stile Ucraino e poi parleremo di legalizzazione e visti…

Felice matrimonio!

Riepilogo procedure matrimonio

1 Per visionare l’informativa rilasciata dall’Ambasciata Italiana a Kiev:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-in-ucraina

2 Per sapere come ottenere il nulla osta visita:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-nulla-osta

3 Per sapere cosa fare una volta ottenuto il nulla osta:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-dopo-nulla-osta

4 Per sapere quali documenti portare allo ZAGS:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-zags

5 Per visionare il modulo di registrazione del matrimonio dello ZAGS
(tradotto in italiano):
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-formulario-zags

6 Legalizzazione e traduzione del certificato di matrimonio
http://www.ukrlandia.com.ua/legalizzazione-certificato-matrimonio

Tag: , ,

4 Commenti a “Matrimonio in Ucraina: Il giorno delle nozze!”

  1. Calvax ha detto:

    Il timbro “Your two passports” ha qualche valore, alla frontiera? Mi spiego meglio, se decidessero di reintrodurre il visto per l’Ucraina, con quel timbro potrei evitare il visto o non c’entra niente? (io credo che non significhi niente, ma nel post c’e’ scritto “Alla fine è come se avrete un visto per stare con vostra moglie” quindi il dubbio mi e’ venuto). Grazie

    • Greenissimo ha detto:

      Si tratta di un errore di battitura, abbiamo prima scritto la versione in Inglese e poi quella in Italiano e qualche parola e’ rimasta in Inglese.

      Il timbro non alcun valore a livello di frontiera o di visto. Si tratta di un timbro standard che appongono sui passaporti ucraini interni (e non per l’estero) che indica lo stato coniugale del soggetto. In caso di matrimonio con straniero, non avendo quest’ultimo il passaporto interno ucraino, appongono il timbro su una pagina libera del passaporto.

      Grazie:)

  2. bongarzone ha detto:

    come posso avere in italia una copia conforme del documento che viene compilato allo zags

    • Greenissimo ha detto:

      A quale documento si riferisce?
      Se intende il certificato di matrimonio, allora e’ reperibile in copia presso lo ZAGS. In Italia si puo’ solo avere il certificato Italiano (in Comune) o eventualmente una copia dell’originale ucraino che e’ stato trascritto in Italia.