Dichiarazione di valore dei titoli di studio

I titoli di studio (diploma, laurea, etc…) conseguiti in Ucraina non vengono riconosciuti automaticamente anche in Italia.

Se si ha conseguito una laurea e si vuole che essa sia valida anche in Italia bisogna richiedere ad una qualsiasi Universita’ italiana l’equipollenza dei titoli di studio (spesso richiede anche lo svolgimento di qualche esame extra).

Un’altra possibilita’ e’ quella di re-iscriversi all’Universita’ e di richiedere il riconoscimento degli esami gia’ sostenuti all’estero.

In entrambi i casi bisogna predisporre un’adeguata documentazione.

Documenti richiesti

1. Raccogliete tutti i vostri titoli di studio originali: Atestat’ (diploma di scuola), Bakalavr (laurea 4 anni), Master o Specialista (laurea 4+1)

2. La lista degli esami superati con le relative votazioni e numero di ore per corso  (di solito allegata al Bakalavr, Master…)

3. I programmi di studio degli esami sostenuti (da richiedere alla vostra facolta’)

Apostille e traduzione

I documenti di cui al punto 1, devono essere apostilati e tradotti in Italiano da traduttore riconosciuto dall’ambasciata Italiana.

I restanti documenti devono a loro volta essere tradotti se sono in lingua Ucraina. Se invece sono rilasciati in lingua Inglese, Francese, Spagnola o Tedesca potrebbero andare gia’ bene come sono (chiedere alla vostra universita’).

Specialmente per quanto attiene ai programmi di studio, cercate di convincere la vostra facolta’ a rilasciarli almeno in Inglese. Dato il numero di pagine, la traduzione in Italiano potrebbe costare parecchio. (Sulle pagine deve esserci il timbro della facolta’).

In questa fase potete rivolgervi ad una agenzia di traduzioni – legalizzazioni che si occupera’ di svolgere tutte le pratiche.
Utile se non abitate a Kiev.

Prezzo indicativo: circa 350 euro (apostille e traduzione documenti ai punti 1 e 2)

Tempi: Non brevi anche piu’ di un mese.

Dichiarazione di Valore

1. Fate una copia, meglio 2 (magari salvandoli sul pc) di tutti i documenti che vi vengono restituiti dall’agenzia (apostilati e tradotti). Una copia extra la vuole l’ambasciata.

2. Il cittadino ucraino deve avere con se il passaporto e/o se possibile il pds/cds.

3. Recatevi all’ambasciata Italiana a Kiev e presentare i documenti indicati al punto 1 e 2 apostilati e comprensivi di traduzione ufficiale. (forse quelli al punto 2 non sono necessari in questa fase…)

4. Qui dovete specificare per quali motivi vi occorre la dichiarazione di valore, nel nostro caso per motivi di studio, e vi faranno compilare un apposito formulario in cui dovete indicare i vostri dati, il titolo di studio piu’ alto conseguito e il nome dell’universita’ e della facolta’ italiana a cui vi indirizzerete.

Prezzo: Circa 300 uah per dichiarazione di valore. (in genere sono 3) da pagarsi al ritiro.

Tempi: 3 settimane, per il ritiro potete fare anche una delega ad una persona di vostra fiducia.

Note

I titoli di studio ucraini, che sono di plastica e non di carta, vengono perforati ai bordi durante l’apostillazione (il che non e’ il massimo dal punto di vista estetico).

Per saperne di piu’

Ambasciata Italiana a Kiev
Universita’ di Genova (Equipollenza)

Matrimonio in Ucraina: Visto familiare al seguito

Adesso che abbiamo tutti i documenti pronti:

– 2 Foto tessera del cittadino Ucraino
– Certificato matrimoniale tradotto e legalizzato (vedi post)
– Passaporti di entrambi i coniugi

possiamo andare all’ambasciata Italiana a Kiev e richiedere la trascrizione del matrimonio ed il visto.

Trascrizione del matrimonio

Questa è la prima cosa che bisogna fare. Dovete dare all’ufficio (il carabiniere all’entrata vi indicherà dov’è) il certificato matrimoniale tradotto e in cambio riceverete una copia dello stesso per l’ufficio visti.

Attenzione!
L’ambasciata non vi darà indietro il certificato originale. Quindi oltre alla copia per l’ufficio visti chiedete anche un’altra copia autenticata del certificato matrimoniale vi può servire in Italia, se il comune non lo ha ancora ricevuto.

Richiesta del Visto

Ora andiamo all’ufficio visti, la porta subito dopo l’ingresso dell’ambasciata. Qui dovete compilare 3 moduli:

– 2 copie della richiesta per il visto (una ve la danno indietro come ricevuta)
– la dichiarazione per il ricongiungimento familiare

Compilate i primi due moduli rispondendo ai vari quesiti fatta eccezione di quelli con l’asterisco che nel nostro caso non servono.
Il secondo modulo è una semplice autocertificazione in cui si richiede il rilascio del visto per il proprio coniuge.

Una copia dei moduli la potete trovare anche sul sito dell’ambasciata Italiana a Kiev:

http://www.ambkiev.esteri.it/Ambasciata_Kiev/Menu/In_linea_con_utente/Modulistica

Tipologie di visto:

– Ricongiungimento familiare
– Familiare al seguito

La differenza stà nella contestualità del rientro in Italia. Se rientrate assieme a vostra moglie o marito, optate per il visto “familiare al seguito”. Se invece il cittadino Ucraino viaggia da solo allora bisogna richiedere il visto per “ricongiungimento familiare”.

Se potete,  richiedete il “familiare al seguito”, è probabile che ve lo rilascino con maggiore celerità. In questo caso dovete allegare anche copia dei biglietti aerei del rientro.

Tempi e difficoltà

La richiesta del visto non presenta particolari difficoltà dato che si tratta di vostro marito o di vostra moglie e quindi avete diritto a mantenere l’unità familiare.
In genere il visto è pronto in pochi giorni. Viene rifiutato solo per gravi motivi ed il rifiuto deve essere motivato (al contrario del visto turistico che non viene motivato).

Ritiro del passaporto con il visto

Il ritiro non avviene presso l’ambasciata ma viene spedito tramite corriere Fedex. Dopo che avete compilato tutti i moduli, vi daranno un fogliettino in cui dovete indicare l’indirizzo a cui volete ricevere il passaporto ed il nome di un’altra persone che può eventualmente ritirarlo per voi. Se volete potete semplicemente passarlo a ritirare alla sede del Fedex a Kiev.

Che Visto otterete?

Il visto che vi verrà rilasciato dovrebbe essere un visto D+C Multi.
Multi = Multi ingresso
D = Visto per soggiorni di lunga durata o Nazionale
C = Visto Schengen

La durata del visto dovrebbe essere di 365 giorni con ecezzione della parte Schengen (C) che vale massimo 90 giorni.

Per maggiori info sulle tipologie del visto:
http://www.esteri.it/MAE/IT/Ministero/Servizi/Stranieri/ServReteConsolare.htm

Database dei visti:
http://www.esteri.it/visti

Quando andare in ambasciata (vale anche per la trascrizione)

Dal Lunedì al Giovedì: 9.15 – 13.15 e 15.15 – 16.30
Senza appuntamento.

Riepilogo procedure matrimonio

1 Per visionare l’informativa rilasciata dall’Ambasciata Italiana a Kiev:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-in-ucraina

2 Per sapere come ottenere il nulla osta visita:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-nulla-osta

3 Per sapere cosa fare una volta ottenuto il nulla osta:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-dopo-nulla-osta

4 Per sapere quali documenti portare allo ZAGS:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-zags

5 Per visionare il modulo di registrazione del matrimonio dello ZAGS
(tradotto in italiano):
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-formulario-zags

6 Il giorno delle nozze:
http://www.ukrlandia.com.ua/giorno-delle-nozze

7 Legalizzazione e traduzione del certificato di matrimonio
http://www.ukrlandia.com.ua/legalizzazione-certificato-matrimonio

Matrimonio in Ucraina

Pubblichiamo qui le procedure, indicate dall’Ambasciata Italiana a Kiev, necessarie per poter contrarre matrimonio in Ucraina con un cittadino Ucraino.

Ultimo Aggiornamento 02/04/2012
La procedure e’ stata semplificata,  si fa tutto in Autocertificazione sul posto. Per ottenere il Nulla osta occorrono solo i passaporti di entrambi i futuri sposi.

Riporto di seguito, l’informativa rilasciata dall’Ambasciata italiana a Kiev relativa al matrimonio in Ucraina.

Il modulo per l’autocertificazione è scaricabile dal sito dell’Ambasciata Italiana a Kiev: Clicca qui

—–

Formalità prematrimoniali
per il rilascio del Nulla Osta da parte della Cancelleria consolare

ll cittadino italiano deve presentare i seguenti documenti:

Passaporti validi di entrambi i nubendi.
Compilare presso questo ufficio un’autocertificazione in base agli art. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000 n. 445

Sarà cura di questo Ufficio Consolare procedere alla verifica amministrativa presso i competenti Comuni italiani nei tempi stabiliti.

Nulla Osta al matrimonio

Il Nulla Osta viene predisposto direttamente, in lingua ucraina, dalla Cancelleria Consolare, sulla base dell’autocertificazione redatta dal cittadino italiano e dopo  aver acquisite le opportune conferme da parte dei Comuni di nascita e residenza.
Verrà rilasciato nei tempi previsti dalle normative in vigore.
Il Nulla Osta deve essere presentato al Dipartimento Consolare del Ministero degli Affari esteri ucraino a Kiev per essere legalizzato.

Trascrizione

Dopo la celebrazione del matrimonio, l’Ufficio di stato civile ucraino consegna agli sposi un originale dell’atto di matrimonio. Esso deve essere sottosposto a legalizzazione mediante apposizione di Apostille (Ministero della Giustizia ucraino) e tradotto in lingua italiana presso uno dei traduttori di riferimento (lista disponibile nella bacheca consolare collocata negli spazi di attesa del pubblico presso la Cancelleria Consolare) e/o da un notaio ucraino (in tal caso la traduzione dovrà essere legalizzata con apostille con il Ministero di giustizia ucraino.
L’atto di matrimonio deve essere consegnato agli sportelli della Cancelleria Consolare che provvederà all’inoltro Comune italiano di residenza per la successiva trascrizione nei registri di stato civile.
In alternativa l’utente potrà provvedere, con propri mezzi, alla trascrizione dell’atto presso il suo Comune di competenza.

Scelta del regime patrimoniale dei beni

Gli sposi, alla consegna dell’atto di matrimonio, hanno facoltà di scegliere un regime patrimoniale diverso da quello legale, in particolare, di optare per il regime della separazione dei beni.
Tale atto viene predisposto in Cancelleria Consolare, in presenza di entrambi gli sposi e di due testimoni cittadini italiani. Esso verrà trasmesso al Comune di competenza insieme all’atto di matrimonio per le relative annotazioni marginali.
Per tale servizio sarà necessario fissare un appuntamento agli sportelli del Consolato.

Visto di ingresso per il coniuge straniero

Ove necessario e su richiesta dell’utenza, la Cancelleria Consolare rilascerà una copia conforme all’originale dell’atto di matrimonio ai fini del rilascio del visto per ricongiungimento.

Note relative ai cittadini divorziati o vedovi

E’ opportuno richiedere anticipatamente il tipo di documentazione richiesto dalle Autorità ucraine di stato civile in tali casi.

Orari d’apertura

Si accede in Cancelleria consolare senza appuntamento nei giorni d’apertura al pubblico: da Lunedì a Giovedì dalle ore 09,15 alle ore 13,30 e dalle ore 15,15 alle ore 16,30. Il Venerdì l’Ufficio è chiuso al pubblico.

———————

Riepilogo procedure matrimonio

1 Per sapere come ottenere il nulla osta visita:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-nulla-osta

2 Per sapere cosa fare una volta ottenuto il nulla osta:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-dopo-nulla-osta

3 Per sapere quali documenti portare allo ZAGS:
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-zags

4 Per visionare il modulo di registrazione del matrimonio dello ZAGS
(tradotto in italiano):
http://www.ukrlandia.com.ua/matrimonio-ucraina-formulario-zags

5 Il giorno delle nozze:
http://www.ukrlandia.com.ua/giorno-delle-nozze

6 Legalizzazione e traduzione del certificato di matrimonio
http://www.ukrlandia.com.ua/legalizzazione-certificato-matrimonio